EUROCUCINA 2016

Maistri in questa edizione evolve in progetti cucina studiati per soluzioni open space dove la cucina deve essere sia funzionale che bella: da guardare, oltre che da vivere. Su 180 metri quadrati di spazio, le cucine sono accessibili sui tre lati dello stand e sono facilmente visibili anche dall’esterno. La struttura infatti prevede due composizioni cucina rivolte verso l’esterno, disposte come vere e proprie vetrine di un negozio: in questi due progetti Maistri ha voluto dare spazio alla linearità della gola, esaltandola. In ALTEA la gola si sviluppa solo in verticale, mentre in ARKA al Salone proposta con basi nere, pensili azzurri e un piano in laminato fenix nero - la gola è orizzontale anche nelle colonne. All’interno, una piazza volutamente aperta mostra tre diversi concetti progettuali, studiati per evidenziare al meglio la filosofia di Maistri che produce cucine aperte al living pensate per facilitare la convivialità e l’interazione tra le persone che vivono la casa. Maistri ha voluto dare importanza alla leggerezza in cucina proponendo molte soluzioni progettuali giocando con la luce e i volume delle pareti. Trovano spazio qui il progetto GIZA in legno, con bancone scorrevole per poter in pochi secondi nascondere o mostrare le funzioni cucina. Tra le finiture e i colori scelti per le isole GIZA e VIVA troviamo la nuova finitura moca di Lapitec in perfetta armonia con il colore Londongray, frutto di una partnership consolidata tra le due realtà imprenditoriali. Un’ altra novità per la cucina living è rappresentata dalle nuove colonne HOLE, qui nel colore ecru e nella nuova essenza di bolivar naturale. Negli altri elementi si alternano ancora materiali naturali: dal legno olmo bruno al legno bolivar naturale, alla pietra tidewine. Accolta con grande successo, Maistri porta Avanti il progetto Armonia, presentando alcune nuove finiture in melaminico.
torna alle news